DERMATITE SEBORROICA

E' una patologia cronico recidivante, che si localizza generalmente al viso e al cuoio capelluto, ma può interessare anche l'area presternale, le ascelle, l'inguine e i genitali esterni.


Questa patologia origina nelle aree cosiddette "seborroiche" e può interessare qualsiasi fascia di età. La classica crosta lattea del neonato è una forma mite di dermatite seborroica. La dermatite seborroica infantile si presenta in maniera analoga alla forma dell'adulto, con squame giallo untuose, su cute eritematosa. Il prurito non sempre è presente al viso, mentre al cuoio capelluto, forfora e prurito rappresentano la modalità più frequente di esordio.Nell'adulto, la dermatite seborroica interessa prevalentemente il viso (es. sopracciglia, glabella, pieghe naso labiali, basette, padiglione auricolare, regione retroauricolare, zona baffi, etc) ed il cuoio capelluto (es. attaccatura dei capelli). La comune forfora (pitiriasi simplex) può essere considerata come una dermatite seborroica minima. L'eccesso di sebo, crea un microambiente ideale per la proliferazione e per la produzione di acidi grassi infiammatori (degradazione del sebo ad opera della lipasi del Malassezia furfur). Le aree interessate dal fenomeno (es. aree centrali del viso, padiglioni auricolari, cuoio capelluto, torace, etc) si presentano eritematose e desquamate. La psoriasi si localizza generalmente anche in aree non seborroiche (es. gomiti, ginocchia, regione sacrale, etc) e si presenta con desquamazione secca (forfora secca). La dermatite seborroica si presenta invece con squame giallastre, untuose (variante grassa) e che possono diventare secche dopo alcuni giorni dalla loro comparsa (variante secca). La variante petaloide (a forma di petalo), si presenta con chiazze eritematosquamose anulari, in regioni come il collo e il dorso. La dermatite seborroica dell'area presternale è anche detta dermatite flanellaire.